fbpx

Pre-Cog In The Bunker

Pre-Cog In The Bunker

Pre-Cog In The Bunker

Con un nome ispirato da un racconto di P.K.Dick, “The Minority Report”, I Pre-cog in the Bunker sono un Duo punk-rock formato da:

  • Miriam Pre-Cog (batteria, voce).
  • Antonello Recanatini (chitarra, synth, voce)


La band giustappone i loro interessi nella fantascienza letteraria e cinematografica e nel cyberpunk con influenze musicali che includono garage rock, punk, post-punk e blues tradizionale americano.
Sonicamente, la band mescola i suoni proto e post-punk di band come i Velvet Underground, Sonic Youth e The Jesus and Mary Chain con uno sporco garage-blues accostabile ad altri duo chitarra-batteria come i Black Keys ed i White Stripes.
Il loro primo Album, Pre-Cog In The Bunker, e’ stato registrato nel 2014 ed e’ stato recensito positivamente dalle riviste musicali, portando il Duo all’attenzione di Festivals Music Clubs e Radio


Sin dalla prima loro autoproduzione si possono cogliere le svariate sfaccettature stilistiche del Duo, che vanno dal punk al noise, dal blues al kraut-rock, fra questi mondi sonori brillano squarci melodici che li possono far accostare ai songwriter piu’ influenti del
panorama musicale.
Il secondo album della band, Response to Reality, segna la maturita’ espressiva della band. registrato nel 2016, edito in versione Tape dall’ etichetta indipendente Edwood Records.


Nel 2019, la band ha iniziato una collaborazione con l’etichetta indipendente statunitense Sister Raygun Records per pubblicare un EP in vinile da 7″ Precog’s Dream (SRR 002) composto da 3 canzoni di Response to Reality insieme a una riedizione in cd e digitale
dell’album completo.
I brani delll’ album sono un mix depravato e irresistibile di blues sporco e bastardo, garage vorticoso, surf ed elettronica. Come se dei Suicide, con venature pop, coverizzassero i Man Or Astroman? in salsa western.
Nel 2019 e’ uscito il loro Vinile 7” PreCog’s Dream edito dall’ etichetta americana Sister Raygun Records, con brani tratti dal loro secondo ?. Edito dalla Sister Raygun Records.